Uva: dono degli Dei

Anima mia, io ti innaffiai con ogni sole e notte e silenzio e anelito:e così tu crescesti per me come una vite, una vite dai grappoli densi, bruni come l'oro: densa e compressa di felicità.
Friedrich Nietzsche (1844 – 1900)

Si dice che sia stata l'uva, e non la mela, il frutto proibito che trascinò Eva e Adamo a tradire gli insegnamenti divini... La sua bellezza, l'abbondanza dei grappoli e la dolcezza degli acini furono una tentazione irresistibile... Frutto magico, si potrebbe dire... Ogni acino di uva contiene una minifarmacia: disseta, purifica, nutre e dà energia; è considerata il frutto per eccellenza in termini di salute e bellezza. Ricca di zuccheri, fruttosio e glucosio, facilmente assimilabili, contiene sali minerali, tra cui ferro, calcio, magnesio, fosforo e potassio; vitamine A, B, C e acido folico. Povera di sali, favorisce la diuresi e stimola la digestione. Ma è sicuramente il Resvetarolo, fenolo non flavonoide, uno dei componenti più importanti. Contenuto nella buccia, ha azione antinfiammatoria, antibatterica e antifungina, è un antiossidante per eccellenza, riduce il colesterolo, è fluidificante del sangue, evita lo sviluppo anomalo del feto in gravidanza e, secondo studi recenti, ha una probabile azione antitumorale.